Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

ESTETISTA

APRIRE LA PARTITA IVA E COSTI DI GESTIONE. QUANTE IMPOSTE E CONTRIBUTI SI PAGANO? COME CALCOLARE IL REDDITO IMPONIBILE PREVIDENZIALE E QUELLO FISCALE?

Descrizione attività:

L’estetista offre ai propri clienti il servizio di ceretta ed epilazione, maschere e trattamenti viso e corpo, massaggi relax, trattamenti anti-age, manicure, pedicure, trattamenti abbronzanti.

Può anche occuparsi della ricostruzione di unghie ed applicazione di unghie finte (onicotecnica), di servizi di make up professionale: allungamento ciglia, make up permanente o semi-permanente, trucco sposa e per altre occasioni speciali.

In questi ultimi anni l’attività di estetica offre anche particolari trattamenti estetici anti-età o per combattere inestetismi della pelle come acne o cellulite: ad esempio terapie con uso del laser o di apparecchi a ultrasuoni, microdermoabrasione, ossigenoterapia, trattamenti a luce pulsata, con elettrostimolatori ecc. Queste attività devono limitarsi a trattamenti estetici e senza l’uso di macchinari e/o tecniche di pertinenza di strutture sanitarie.

Documentazione necessaria per l’iscrizione all’AIA

Segnalazione certificata inizio attività (SCIA) presentata al COMUNE sede dell’impresa

Altre notizie

‐ Il riconoscimento di qualificazioni professionali conseguite all’estero è di competenza del

Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

‐ E’ necessario designare per ciascuna sede o unità operativa dell’impresa in cui si esercita

l’attività un responsabile tecnico in possesso dei requisiti professionali; il nominativo del

responsabile tecnico, oltre ad essere dichiarato nella SCIA destinata al Comune, va denunciato

anche ai fini REA (Repertorio Economico Amministrativo della Camera di Commercio).

‐ L’impresa è artigiana solo se il titolare o il socio lavoratore possiedono personalmente i

requisiti professionali previsti dalla L. 1/90

– Il Responsabile Tecnico deve essere presente fisicamente durante l’intero orario di apertura al pubblico

‐ L’Albo delle imprese artigiane, ai soli fini del rispetto dell’art. 9, III comma, della LR 10/07,

verifica che i requisiti professionali dichiarati nella SCIA dal titolare/socio siano conformi a quelliprevisti dalla L. 1/90

CODICE ATECO - 96.02.02 SERVIZI DEGLI ISTITUTI DI BELLEZZA

Descrizione:

  • servizi di estetista
  • trattamenti al viso e di bellezza, trucco eccetera

REGIME FISCALE:

  • Percentuale di redditività nel regime di flat tax: 67%
  • Gestione previdenziale: INPS Gestione ARTIGIANI con pagamento annuale minimo di euro 3.828,72 fino ad un reddito annuale di euro 15.953,00. Sulla parte eccedente euro 15.953,00 è dovuto un ulteriore contributo del 24%. E’ possibilerichiedere la riduzione del 35% dei contributi dovuti e sopra indicati. 

Autorizzazioni amministrative: Per l’attività di estetista è richiesta la qualifica legge 1/90 

  • Iscrizione alla Camera di commercio: SI
  • Iscrivibile come impresa artigiana: SI 
  • Iscrizione INAIL: SI
 

Per il Regime Contabile Semplificato Ordinario cliccare qui.

Ti potrebbero interessare anche

I.R.A.P.

L’IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE È UNA IMPOSTA DIRETTA SUL REDDITO, E SI APPLICA ALLE AZIENDE CHE ADERISCONO AL REGIME CONTABILE SEMPLIFICATO O A QUELLO ORDINARIO

Leggi