Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

ARTIGIANI – REGIME CONTABILE SEMPLIFICATO

QUANTI CONTRIBUTI E IMPOSTE DEVE PAGARE UN ARTIGIANO IN REGIME CONTABILE SEMPLIFICATO? COME CALCOLARE IL REDDITO IMPONIBILE PREVIDENZIALE ED IL REDDITO IMPONIBILE FISCALE?

Gestione Previdenziale

Per quanto riguarda la gestione previdenziale, gli artigiani nel semplificato devono pagare i Contributi INPS gestione artigiani.

Ma quanti contributi deve pagare un artigiano? Bisogna innanzitutto calcolare il reddito previdenziale che si determina nel seguente modo:

 

 

Calcolo contributi INPS gestione artigiani

Se il reddito previdenziale è inferiore ad € 15.953,00 sarà dovuto un minimale pari a € 3.828,72 a prescindere dal reddito previdenziale effettivamente conseguito.

Se il reddito previdenziale è superiore ad € 15.953,00, oltre al contributo calcolato sul minimale (euro 3.828,72) sarà dovuto un contributo del 24% calcolato sulla parte eccedente a tale reddito.

Deve essere aggiunto un contributo pari a €7,44 come contributo di maternità.

Imposta I.R.P.E.F.

Sottraendo al Reddito Previdenziale i contributi calcolati come sopra-detto, si ottiene il Reddito Fiscale.

Sul reddito fiscale si applicano le aliquote progressive dell’I.R.P.E.F. .

Per le imprese più strutturate è dovuta anche l’IRAP.

L’impresa artigiana deve pagare anche l’INAIL che è una forma di assicurazione sul lavoro obbligatoria per legge.

Calcolo del tax rate

Il TAX RATE esprime in termini percentuali l’ammontare di imposte e contributi sul totale del fatturato.

 

Nota bene:

  • Per le attività che necessitano di Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) sia in Comune che in C.C.I.A.A., potranno iniziare l’attività soltanto dopo la presentazione della documentazione a questa relativa.
  • Gli Artigiani che svolgono anche lavoro dipendente full time con contratto a tempo indeterminato non pagano contributi dall’attività con P. IVA, mentre i lavoratori dipendenti full time con contratto a tempo determinato possono richiederne la sospensione, essendo comunque obbligati all’iscrizione. 

 

Ti potrebbero interessare anche

CHIROPRATICO

APRIRE LA PARTITA IVA E COSTI DI GESTIONE. QUANTE IMPOSTE E CONTRIBUTI DEVE PAGARE UN CHIROPRATICO? COME CALCOLARE IL REDDITO PREVIDENZIALE IMPONIBILE ED IL REDDITO FISCALE IMPONIBILE?

Leggi