Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Architetto

PROFESSIONE DI ARCHITETTO. QUALI SONO I COSTI DI GESTIONE? QUANTE IMPOSTE E CONTRIBUTI DEVE PAGARE UN ARCHITETTO? COME CALCOLARE IL REDDITO PREVIDENZIALE IMPONIBILE ED IL REDDITO FISCALE IMPONIBILE?

Descrizione attività:

L’architetto è un professionista che si occupa della progettazione di edifici, di interni, della pianificazione urbanistica e di architettura del paesaggio. Lavora, quindi, sia nel campo dell’edilizia pubblica e privata, sia nel design, non solo di immobili ma anche di arredamenti.

Per poter operare come architetto, dovrai conseguire una Laurea in Architettura, ottenere l’abilitazione alla professione, superando l’Esame di Stato, ed infine iscriverti allo specifico Ordine Professionale.

Avvenuta l’iscrizione all’Albo degli Architetti, è necessario aprire la partita IVAper poter avviare la propria attività libero-professionale.

Codice Ateco: 71.11.00 ATTIVITA' DEGLI STUDI DI ARCHITETTURA

Descrizione:

Attività di consulenza in campo architettonico: progettazione di edifici e stesura dei progetti, pianificazione urbanistica e architettura del paesaggio

Dalla classe 71.11 sono ESCLUSE:

  • attività di consulenti informatici
  • attività degli studi di ingegneria
  • arredamento di interni

REGIME FISCALE:

  • Percentuale di redditività nel regime di flat tax: 78%
  • Gestione previdenziale: gli architetti iscritti all’Ordine in possesso di una partita iva (individuale, di associazione o di società di professionisti) devono iscriversi alla cassa previdenziale Inarcassa. Sono esclusi dall’obbligo gli architetti già coperti da un’altra forma di previdenza contributiva obbligatoria, pubblica o privata. 

Al reddito fiscale così calcolato si applica l’aliquota di imposta.

Nel regime forfettario l’aliquota di imposta può essere il 5% per chi aderisce al regime forfettario start up o il 15% negli altri casi. Clicca qui ulteriori info.

Per il Regime Contabile Semplificato Ordinario cliccare qui

  • Iscrizione INAIL: NO
  • Iscrizione alla Camera di commercio: NO

  • Iscrizione all’Albo degli Architetti.

Ti potrebbero interessare anche

CHIMICO

APRIRE UNA PARTITA IVA E COSTI DI GESTIONE.
QUANTE IMPOSTE E CONTRIBUTI PREVIDENZIALI DEVE PAGARE UN CHIMICO? COME CALCOLARE IL REDDITO IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE?

Leggi
Guida al regime semplificato per le imprese

Guida al regime semplificato delle imprese

Il regime semplificato delle imprese è un regime alternativo al regime di flat tax se è conseguito da un soggetto singolo non societario e il fatturato annuale non è superiore a 65.000 euro. È quindi molto importante per l’imprenditore con fatturato non superiore a 65.000 euro scegliere il regime fiscale più conveniente al fine di ridurre il carico delle imposte da pagare ogni anno.

Leggi