Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

NOLEGGIO SENZA CONDUCENTE – N.C.C.

APRIRE LA PARTITA IVA E COSTI DI GESTIONE. COME CALCOLARE LE IMPOSTE E I CONTRIBUTI PREVIDENZIALI?

Descrizione attività:

Il servizio di N.C.C. si rivolge ad un’utenza specifica, che avanza, presso la sede del vettore, apposita richiesta per un determinato trasporto senza limite temporale, con possibilità di variazione e/o integrazione durante il viaggio. A differenza dei taxi, che sostano su aree pubbliche specificatamente segnalate, il servizio N.C.C. è rivolto ad un’utenza indifferenziata e non è obbligato a svolgere la corsa all’interno del solo territorio comunale, bensì può svolgere il servizio su tutto il territorio nazionale e internazionale. Il servizio pubblico non di linea, denominato “N.C.C.”, si basa propriamente su un accordo cliente-fornitore con cui vengono pattuiti le modalità di svolgimento del servizio, la data e l’orario, l’importo ecc. La prestazione del servizio, pertanto, non è obbligatoria, ma si basa sul raggiungimento o meno di un accordo in forma privata, mediante comunicazione.

CODICE ATECO 49.32.20 - TRASPORTO MEDIANTE NOLEGGIO DI AUTOVETTURE DA RIMESSA CON CONDUCENTE

REQUISITI:

Il soggetto interessato (titolare, dipendente di impresa autorizzata a tale servizio, sostituto a tempo determinato del titolare o del dipendente) deve avere la maggiore età e dimostrare di possedere i seguenti requisiti professionali richiesti dalla legge:    

 

  •   Possesso del certificato di abilitazione professionale rilasciato dalla Motorizzazione Civile;
  •   Superamento dell’esame tenuto presso l’apposita Commissione provinciale per la formazione e la conservazione dei ruoli (Servizio Mobilità e Trasporti della Provincia): l’esame ha lo scopo di accertare i requisiti di idoneità all’esercizio del servizio.
 

Domanda di iscrizione

La domanda per sostenere l’esame e per la successiva iscrizione al Ruolo va presentata alla Commissione provinciale per la formazione e la conservazione dei ruoli; pertanto il modello di domanda va richiesto e presentato agli Uffici del Servizio Mobilità e Trasporti.
Alla domanda devono essere allegati:

 

  •   Ricevuta di versamento dei diritti di segreteria di € 31,00 su c/c postale 134064 intestato alla Camera di Commercio;
  •   Una foto formato tessera per il rilascio del tesserino.

La Commissione provinciale provvede ad inoltrare la domanda alla Camera di Commercio. Entro sessanta giorni dalla ricezione della domanda, o dalla sua integrazione con eventuali documenti mancanti, la Camera di Commercio deve pronunciarsi in merito all’accoglimento o al rigetto della domanda stessa; in caso di mancanza di comunicazioni all’interessato la domanda deve ritenersi accolta (silenzio-assenso).

 

 

Licenze e autorizzazioni richieste per l’esercizio dell’attività

La licenza per l’esercizio del servizio di taxi e l’autorizzazione per l’esercizio del servizio di noleggio con conducente sono rilasciate dal Comune, attraverso bando di pubblico concorso, ai singoli che abbiano la proprietà o la disponibilità in leasing del veicolo o natante.
Tali attività possono essere gestite in forma singola o in forma associata (cooperative di produzione e lavoro, cooperative di servizi, consorzi, ecc.)
La licenza e l’autorizzazione sono riferite ad un singolo veicolo o natante.
E’ invece ammesso in capo ad un singolo soggetto:

 

  •   Il cumulo di più autorizzazioni per l’esercizio del servizio di noleggio con conducente;
  •   Il cumulo della licenza per l’esercizio del servizio di taxi e dell’autorizzazione del servizio per l’esercizio di noleggio con conducente di natanti.

REGIME FISCALE:

  • Percentuale di redditività: 67%
  • Gestione previdenziale: INPS Gestione ARTIGIANI con pagamento annuale minimo di euro 3.828,72 fino ad un reddito annuale di euro 15.953,00. Sulla parte eccedente euro 15.953,00 è dovuto un ulteriore contributo del 24%.  E’ possibile richiedere la riduzione del 35% dei contributi dovuti e sopra indicati. 
  • Iscrivibile come impresa artigiana: SI (link impresa artigiana)
  • Iscrizione INAIL: SI
  • Iscrizione C.C.I.A.A.: SI

Per il Regime Contabile Semplificato Ordinario cliccare qui

Ti potrebbero interessare anche

FATTORINO

Fattorino

APRIRE LA PARTITA IVA E COSTI DI GESTIONE. QUANTE IMPOSTE E CONTRIBUTI DEVE PAGARE UN FATTORINO? COME CALCOLARE IL REDDITO IMPONIBILE PREVIDENZIALE ED IL REDDITO IMPONIBILE FISCALE?

Leggi
Guida al regime semplificato per i lavoratori autonomi

Guida al regime semplificato dei lavoratori autonomi

Il regime semplificato dei lavoratori autonomi è un regime alternativo al regime di flat tax se è conseguito da una soggetto singolo non associato e il fatturato annuale non è superiore a 65.000 euro. È quindi molto importante per il lavoratore autonomo con fatturato non superiore a 65.000 euro scegliere il regime fiscale più conveniente al fine di ridurre il carico delle imposte da pagare ogni anno.

Leggi