Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

DOTTORE FORESTALE

QUANTE IMPOSTE E CONTRIBUTI PREVIDENZIALI DEVE PAGARE UN DOTTORE FORESTALE IN REGIME CONTABILE FORFETTARIO? COME CALCOLARE IL REDDITO IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE?

Descrizione attività:

Il dottore o tecnico forestale è un laureato in Scienze Forestalio lauree simili, che dopo aver conseguito detto titolo ha sostenuto e superato un Esame di Stato specifico per ottenere la possibilità di iscriversi all’Albo Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali (CONAF).

È chiamato a svolgere diverse mansioni a livello Agro-Forestale, tra cui:

  • effettuare pianificazione del territorio e valutazione dell’impatto ambientale;
  • progettare, realizzare e gestire parchi e giardini;
  • elaborare piani e progetti per assestamento forestale;
  • realizzare costruzioni rurali, agroalimentari e civili;
  • occuparsi dei lavori catastali;
  • occuparsi di bonifica, irrigazione, tutela delle acque e dell’atmosfera;
  • studiare il suolo per individuarne l’uso corretto e garantirne la tutela;
  • curare le piante e prevenire/debellare malattie e parassiti;
  • provvedere a programmazione economica e stime di fondi rustici;
  • occuparsi del miglioramento genetico di vegetali e animali;
  • effettuare controlli qualitativi nel comparto Agro-alimentare;
  • gestire, programmare e regolare alimentazione ed allevamento dei capi di bestiame;
  • offrire assistenza tecnica e divulgazione agricola;
 
 
ADEMPIMENTIISCRIZIONE ALL’ALBO DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI . Ulteriori informazioni.

CODICI ATECO:

74.90.11 CONSULENZA AGRARIA FORNITA DA AGRONOMI

74.90.12 CONSULENZA AGRARIA FORNITA DA AGROTECNICI E PERITI AGRARI

REGIME FISCALE IN FLAT TAX:

  • Percentuale di redditività nel regime di flat tax: 78%

Sul reddito previdenziale calcolato come sopra detto vanno calolati i contributi previdenziali.

GESTIONE PREVIDENZIALE:

 

Iscrizione Cassa EPAP la quale prevede i seguenti tipi di contribuzione:

    • 10% del reddito professionale netto prodotto nell’anno, con contributo minimale pari a € 619,00 e reddito massimale imponibile pari a€ 102.543,00
    • È inoltre dovuto un contributo di solidarietà nella misura dello 0,2% del reddito professionale con un minimo che, per l’anno in corso, è di 12 euro
    • È prevista una riduzione del contributo minimo (70%), limitatamente ai primi tre anni di iscrizione, per coloro che iniziano l’attività prima dei 30 anni. Tale possibilità viene meno se l’iscritto diventa soggetto all’obbligo di versare contributi superiori ai parametri minimi
    • Contributo integrativo pari al 2% del fatturato a carico del committente (minimale €87)
    • Riduzione del contributo minimo (50%), limitatamente ai primi tre anni di iscrizione, per coloro che iniziano l’attività prima dei 30 anni
    • Contributo maternità: € 45,00

CALCOLO DELLE IMPOSTE:

 

Sottraendo al Reddito Previdenziale i contributi versati, si ottiene il Reddito Fiscale, sul quale vanno calcolate le imposte.

 

 

Al reddito fiscale così calcolato si applica l’aliquota di imposta.

Nel regime forfettario l’aliquota di imposta può essere il 5% per chi aderisce al regime forfettario start up o il 15% negli altri casi. Clicca qui ulteriori info.

Per il Regime Contabile Semplificato Ordinario cliccare qui.

Ti potrebbero interessare anche

Biologo – Nutrizionista

APRIRE LA PARTITA IVA E COSTI DI GESTIONE. QUANTE IMPOSTE E CONTRIBUTI DEVE PAGARE UN BIOLOGO – NUTRIZIONISTA? COME CALCOLARE IL REDDITO IMPONIBILE PREVIDENZIALE ED IL REDDITO IMPONIBILE FISCALE?

Leggi

Ottico

APRIRE LA PARTITA IVA E COSTI DI GESTIONE. QUANTE IMPOSTE E CONTRIBUTI DEVE PAGARE UN OTTICO? COME CALCOLARE IL REDDITO PREVIDENZIALE IMPONIBILE ED IL REDDITO IMPONIBILE FISCALE?

Leggi