Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

CHIMICO

APRIRE UNA PARTITA IVA E COSTI DI GESTIONE. QUANTE IMPOSTE E CONTRIBUTI PREVIDENZIALI DEVE PAGARE UN CHIMICO? COME CALCOLARE IL REDDITO IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE?

Descrizione dell'attività:

Un chimico è un professionista che si occupa di chimica.

Le principali attività di un chimico possono essere:

  • Analisi chimiche, biochimiche, microbiologiche e radiologiche
  • Elaborazione di processi chimici di produzione e trattamento sostanze chimiche
  • Sintesi organiche nell’industria farmaceutica e biotecnologica
  • Elaborazione dei procedimenti delle metodologie chimiche di analisi e ricerca
  • Progettazione e collaudo in industrie chimiche, impianti chimici, eccetera
  • Perizie, consulenze e pareri negli interventi sulla produzione di attività industriali chimiche, impianti chimici, macchinari e merci
  • Responsabilità degli impianti con impiego di gas tossici
  • Sicurezza e valutazioni nel campo dell’acustica ambientale e delle emissioni magnetiche ed elettromagnetiche
  • Sistemi di qualità secondo le norme ISO9000, ISO14000, EMAS, ISO 17025
  • Monitoraggio ambientale.

• CODICE ATECO 72.19.09 - RICERCA E SVILUPPO SPERIMENTALE NEL CAMPO DELLE ALTRE SCIENZE NATURALI E DELL'INGEGNERIA

• CODICE ATECO 71.20.21 - CONTROLLO DI QUALITÀ E CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI, PROCESSI E SISTEMI

REGIME FISCALE IN FLAT TAX:

  • Percentuale di redditività nel regime di flat tax: 78%
 
 
  • Gestione previdenziale: iscrizione Cassa EPAP la quale prevede i seguenti tipi di contribuzione:
    • 10% del reddito professionale netto prodotto nell’anno, con contributo minimale pari a € 619,00 e reddito massimale imponibile pari a € 102.543,00
    • È inoltre dovuto un contributo di solidarietà nella misura dello 0,2% del reddito professionale con un minimo che, per l’anno in corso, è di 12 euro
      • È prevista una riduzione del contributo minimo (70%), limitatamente ai primi tre anni di iscrizione, per coloro che iniziano l’attività prima dei 30 anni. Tale possibilità viene meno se l’iscritto diventa soggetto all’obbligo di versare contributi superiori ai parametri minimi
    • Contributo integrativo pari al 2% del fatturato a carico del committente (minimale €87)
      • riduzione del contributo minimo (50%), limitatamente ai primi tre anni di iscrizione, per coloro che iniziano l’attività prima dei 30 anni
    • Contributo maternità: € 45,00

Al reddito fiscale così calcolato si applica l’aliquota di imposta.

Nel regime forfettario l’aliquota di imposta può essere il 5% per chi aderisce al regime forfettario start up o il 15% negli altri casi. Clicca qui ulteriori info.

Per il Regime Contabile Semplificato Ordinario cliccare qui

Adempimenti e requisiti:

  • Iscrizione all’Albo. Per i requisiti cliccare qui
  • Iscrizione INAIL: Non dovuta per i professionisti (a meno che non sia in forza personale dipendente)

Per il Regime Contabile Semplificato Ordinario cliccare qui

Ti potrebbero interessare anche

Guida Turistica e Accompagnatore

APRIRE LA PARTITA IVA E COSTI DI GESTIONE. QUANTE IMPOSTE E CONTRIBUTI DEVE PAGARE UNA GUIDA TURISTICA O ACCOMPAGNATORE? COME CALCOLARE IL REDDITO PREVIDENZIALE IMPONIBILE ED IL REDDITO FISCALE IMPONIBILE?

Leggi

Agente di Commercio

APRIRE LA PARTITA IVA E COSTI DI GESTIONE. QUANTE IMPOSTE E CONTRIBUTI DEVE PAGARE UN AGENTE DI COMMERCIO? COME CALCOLARE IL REDDITO PREVIDENZIALE IMPONIBILE ED IL REDDITO FISCALE IMPONIBILE?

Leggi